Che cos’è Bing Merchant Center?

bing-merchant-center-1

 

Bing Merchant Center è lo strumento messo a disposizione da Microsoft per impostare e gestire gli annunci dei prodotti sul motore di ricerca Bing. Come puoi intuire dal nome, si tratta di un tool simile a Google Merchant Center, sia per caratteristiche che per utilizzo.

Bing Merchant Center è utilizzato soprattutto per compiere quattro azioni:

  • Verificare l'URL
  • Impostare un negozio online
  • Creare e gestire un catalogo
  • Creare e gestire gli annunci dei prodotti su Bing

Verificare l’URL

La verifica della URL del tuo e-commerce è un’azione una tantum, ma che prevede diversi passaggi. Lo scopo è semplicemente quello di dimostrare a Bing che il sito web che vuoi verificare sia effettivamente di tua proprietà.

Niente panico, è un procedimento molto semplice e con il quale probabilmente hai già dimestichezza. I passaggi sono infatti molto simili a quando si verifica la URL di un sito con Google o uno dei suoi strumenti.


Impostare un negozio online

Per la maggior parte di utenti Bing, anche questo è un passaggio una tantum. Tuttavia, se ti ritrovi a dover gestire più negozi online, ha senso ripetere questo step per ognuno dei negozi che vuoi impostare. Una volta creato il negozio online nel Bing Merchant Center puoi procedere con l’inserimento dei prodotti.

Attenzione, ci sono alcune cose da tenere a mente quando si crea e imposta un negozio nel Bing Merchant Center:

Assicurati di aver scelto il nome giusto per il negozio. Non inserire una cosa a caso, perché il nome del negozio è visibile sugli annunci dei prodotti e non sarà poi possibile cambiarlo.

È possibile caricare più feed di dati in un negozio. Ma attenzione, ogni feed deve essere unico. In altre parole, due feed non possono contenere gli stessi prodotti.

Sebbene sia possibile avere più negozi nel Bing Merchant Center, non è possibile vendere gli stessi prodotti in ogni negozio. Tutti i tuoi negozi devono avere elenchi di prodotti unici.

Tra creazione e approvazione di un negozio online nel Bing Merchant Center l’attesa è di circa cinque giorni.

Questo perché alcune richieste vengono esaminate manualmente da Bing. Altri negozi, invece, sono auto-approvati o auto-rifiutati quando non vengono soddisfatti i requisiti richiesti.


Creare e gestire un catalogo

I cataloghi sono ciò che Bing chiama feed. Come per tutti i feed di dati, Bing ha una propria specifica, che va necessariamente rispettata. Utilizzare uno strumento di gestione dei feed può aiutarti a far sì che il tuo feed sia compatibile e ottimizzato per Bing.

I cataloghi sono usati da Bing per popolare i tuoi annunci con i prodotti in vendita nel tuo e-commerce. Di conseguenza, l'accuratezza e la qualità dei feed hanno un impatto diretto sulle prestazioni degli annunci shopping.

Una delle cose da ricordare con i cataloghi di Bing è che non è consentito includere prodotti non più disponibili in stock. Assicurati che tali prodotti non siano presenti nei feed di dati prima di procedere al caricamento.


Creare e gestire gli annunci dei prodotti su Bing

Come accade su Google, anche Bing visualizza gli annunci prodotto sulle pagine dei risultati della ricerca, il che li rende un ottimo strumento per raggiungere potenziali nuovi clienti.

Le informazioni che Bing usa per mostrare gli annunci dei tuoi prodotti includono: un'immagine, un testo promozionale, il nome del tuo negozio e il prezzo del prodotto.

Se hai già annunci prodotti che girano su Google Ads, puoi importare queste campagne Google su Bing. Questo ti farà risparmiare un sacco di tempo.

Attenzione però, ricorda che le specifiche per i feed che usa Bing sono diverse da quelle di Google. Puoi importare le campagne Google Ads per ciò che riguarda gli annunci, ma i feed dati devono necessariamente essere ottimizzati per Bing.

Se hai già dimestichezza con la gestione delle campagne di advertising su Google Shopping, sia il caricamento dei feed di dati che la gestione dell’account su Bing Merchant Center ti saranno familiari. I processi non sono esattamente gli stessi, ma ci sono molte similitudini e gli step sono sufficientemente intuitivi.

 


New call-to-action

Scritto da Matteo Bacigalupi

Matteo è un esperto Search Engine Marketer specializzato in ottimizzazione di Feed e di gestione campagne su Google Ads. Al momento occupa la posizione di Country Manager per il territorio Italiano a DataFeedWatch. Nelle sue precedenti esperienze si è occupato di gestire account “Google Ads” come strategist per un progetto di Google, ha lavorato come giornalista/editore nel periodico ElMundo.es e ha collaborato con alcune radio e riviste. Adora viaggiare solo e ama le Fender e le Les Paul.

Commenti

Fatto con   da  DataFeedWatch

Scrivi per noi