[Guida] Feed supplementari su Google Merchant Center

    feed-supplementari-google-merchant-center

    Google domina il mondo delle ricerche a pagamento.

    Google Shopping conta il 60% di tutti i click di ricerca a pagamento Google per venditori e le inserzioni Shopping ora rappresentano l’82% di tutti i click di ricerca a pagamento non-brand per venditori. Secondo lo studio più recente di Merkle, le spese su Google Shopping sono cresciute del 40% anno dopo anno, con il tasso di crescita più alto negli ultimi due anni.

    Se non hai ancora iniziato a usare, o se sei un veterano di, Google Shopping, è ovvio che tu voglia soltanto il meglio dalle tue inserzioni Shopping. Capire interamente tutti i servizi di Google e usarli a tuo vantaggio è importante per migliorare le prestazioni delle tue campagne shopping.


    Addentrati sui feed supplementari e scopri:

    Qual è la differenza tra feed supplementari e feed principali

    Alcuni esempi di quando e come devi usarli nei tuoi feed:

    1. Sostituire/sovrascrivere i valori per certi attributi
    2. Risolvere errori e disapprovazioni su Google Merchant Center
    3. Aggiungere dati mancanti al tuo feed

    Come creare feed supplementari nel tuo Google Merchant Center


    Feed supplementari vs Feed principali

    Nel 2017 Google ha adottato una nuova convenzione di denominazione per i feed shopping. Ora, i venditori che pubblicizzano su Google devono lavorare con feed principali e feed supplementari. La modifica non è relativa soltanto alla terminologia, ma ha un impatto anche sull’uso e la struttura dei feed dei prodotti.

     

    Feed principale

    Puoi pensarlo come il tuo vecchio feed shopping normale. Si tratta del feed che ti consente di aggiungere e rimuovere prodotti dal Google Merchant Center, determinare il paese e la lingua target. Se il tuo feed principale include tutti i dati da tutti i tuoi sistemi, ed è ottimizzato, può essere l’unico feed che devi inviare sul Google Merchant Center.

    Usa feed principali per:

    • Aggiungere o rimuovere dati dai tuoi feed
    • Determinare la lingua e l’area geografica target
    • Configurare regole di ottimizzazione per i feed dei tuoi prodotti

    Feed supplementari

    Si tratta di una fonte di dati secondaria che i venditori possono aggiungere al proprio Google Merchant Center per arricchire il proprio feed principale. Possono essere usati soltanto insieme al feed principale, e non possono essere accettati come fonte di dati primaria.

    Usa i feed supplementari per:

    • aggiungere o modificare le informazioni promozionali (oggetti scontati)
    • aggiungere o modificare le etichette personalizzate
    • sostituire o sovrascrivere attributi degli oggetti
    • aggiungere GTIN mancanti
    • risolvere disapprovazioni e errori di Google Merchant
    • escludere prodotti specifici (attraverso l’attributo excluded_destination [destinazione_esclusa])
    • aggiungere informazioni relative all’inventario locale per le inserzioni dello stesso

    feed-suppementari-definizione

    I feed principali e i feed supplementari sono collegati insieme attraverso l’attributo ID. In questo modo, i dati del prodotto nel feed principale vengono aggiornati o arricchiti quando gli ID dei due feed corrispondono.

    Ritorna all’inizio della pagina o Scarica La Guida Definitiva per Ottimizzare il tuo Feed di Prodotti

     


    Quando e come usare i feed supplementari

    Avvertenza. Se stai già usando uno strumento di gestione feed, probabilmente non ti servono i feed supplementari, perché tutte le regole e le ottimizzazioni sotto possono essere effettuate direttamente dallo strumento.

    Comunque, a prescindere che utilizzi i feed supplementari per arricchire i dati dei tuoi prodotti su Google Merchant Center o su DataFeedWatch, i consigli e gli esempi sotto rappresentano dei modi potenti per ottenere di più dai tuoi dati.

     

    1. Sovrascrivere i valori per certi attributi

    Mettiamo che tu venda dei barbecue e che sappia che alcuni titoli includono la parola chiave griglia anziché barbecue. Nella maggior parte dei casi, i clienti cercano barbecue. Per questo, vuoi usare questa parola in tutti i tuoi titoli.

    Su DataFeedWatch, puoi creare facilmente una regola che rimpiazza griglia con barbecue, come quella sotto. Questo aggiornerà in automatico tutti i tuoi titoli inserendo la nuova parola chiave.

    revisione-del-feed-per-google-shopping

    Con i feed supplementari, devi creare un nuovo feed dove carichi una lista con gli ID dei prodotti e i nuovi titoli modificati dove hai sostituito la parola chiave griglia con la parola chiave barbecue. Successivamente, devi caricare il file su Google Merchant Center.

    Google abbinerà gli ID dei prodotti e sostituirà le vecchie parole chiave con le nuove.

     

    2. Risolvere errori e disapprovazioni su Google Merchant Center

    Se vuoi vedere quali prodotti sono nel mirino di Google, ostacolando pertanto le tue campagne Google Shopping, hai due possibilità.

    La revisione del feed su DataFeedWatch ti permette di verificare se i dati che stai inviando su Google Shopping sono completi. Potrai revisionare i tuoi dati in cerca di: dati mancanti, validatori di unicità e validatori GTIN.

    revisione-del-feed-per-google-shopping1

    La pagina di diagnostica su Google Merchant Center è dove puoi ottenere una lista di tutti i problemi che impediscono al tuo feed di avere una buona prestazione.

    diagnostica-google-merchant-centre

    Il vantaggio di usare la revisione del feed su DataFeedWatch è che ti risparmi di dover fare avanti e indietro per effettuare la procedura di diagnosi dei prodotti e le opportune modifiche prima di caricare il feed su Google Merchant Center.

    In entrambi i casi, puoi scaricare il report di diagnosi dei prodotti e iniziare a lavorare per risolvere gli errori.

    Ancora, gli errori possono essere corretti direttamente su DataFeedWatch senza dover accedere al Google Merchant Center e senza feed supplementari.

     

    3. Aggiungere dati mancanti ai tuoi feed

    Aggiungere categoria prodotti mancante. Mettiamo che il tuo feed principale non includa le categorie dei prodotti e che tu voglia iniziare a usare le categorie per le tue etichette personalizzate e la tua strategia pubblicitaria.

    Cosa puoi fare? Su DataFeedWatch, hai alcune opzioni:

    Per pochi prodotti: se la categoria dei tuoi prodotti viene citata nella descrizione puoi creare una regola per configurare la categoria sulla base della descrizione. Maggiori dettagli su come usare questa ottimizzazione in questo articolo: Come aggiungere la categoria prodotti sul tuo feed Google Shopping.

    2019-03-18_1554

    Per feed grandi: inserisci su Google Fogli le categorie e gli ID dei tuoi prodotti e aggiungi la categoria prodotto come campo opzionale. Se vuoi sapere di più su come ottimizzare i feed dei tuoi prodotti con Google Fogli abbiamo ciò che fa per te.    

    aggiungi-tipo-prodotto-google-shopping

    Ritorna all’inizio della pagina o Scarica La Guida Definitiva per Ottimizzare il tuo Feed di Prodotti

     


    Scarica il nostro ebook su ottimizzazione feed per scoprire di più su come puoi:

    • data-feed-optimization-ebookMigliorare la qualità dei tuoi feed
    • Migliorare il ROI della tua Campagna Shopping
    • Migliorare la tua strategia multicanale

     

     

     



    Come creare feed supplementari su Google Merchant Center

    Ora, se non stai utilizzando uno strumento terzo per l’ottimizzazione del feed, e devi affidarti ai feed supplementari per realizzare certi tipi di ottimizzazione, vediamo come puoi aggiungerli nel tuo account Google Merchant.

    Passo 1. I feed principali e i feed supplementari si trovano in Prodotti>Feed(nuovo) nel tuo account admin su Google Merchant Center.

    feed-supplementari-google-merchant-centre

    Passo 2. Assegna un nome al tuo feed supplementare che ti aiuterà a identificare facilmente il feed in futuro. Seleziona un metodo di immissione che soddisfa le tue necessità.

    feed-supplementari-gmv

    Se stai usando uno strumento terzo per gestire e ottimizzare i dati dei tuoi prodotti, allora un recupero pianificato è il metodo di immissione scelto.

    Passo 3. Programma la frequenza di recupero e fornisci l’URL del feed supplementare.

    feed-supplementari-frequenza

    Se hai creato il tuo feed supplementare su DataFeedWatch copia e incolla l’URL del feed.

    feed-supplementari-shopping

    Passo 4. Aggiungi il feed supplementare al tuo feed principale(i).

    feed-supplementari-feed-primari

    Dopo aver completato questi passi e aggiunto il feed supplementare al tuo feed principale, Google creerà automaticamente una regola per collegare i prodotti a seconda degli ID.

    Ritorna all’inizio della pagina o Scarica La Guida Definitiva per Ottimizzare il tuo Feed di Prodotti


    Conclusione 

    Un feed supplementare è semplicemente una regola in formato di file. Se stai già usando uno strumento di gestione feed non serve usare i feed supplementari per ottimizzare i dati dei tuoi prodotti. Un buon strumento per feed ti consente di effettuare le stesse ottimizzazioni senza doverti complicare la vita con dei feed supplementari ogni volta che devi aggiornare i dati dei tuoi prodotti. Nonostante ciò, se non utilizzi uno strumento per feed, i feed supplementari sono un modo eccezionale per aggiungere dati mancanti, risolvere errori e migliorare certi attributi.

    Se vuoi approfondire la tua conoscenza su feed supplementari e altri tipi di feed su Google Shopping ti consigliamo le risorse seguenti:

    Tutto ciò che devi sapere sui tipi di feed su Google Shopping

    Guida di Google su feed principali e feed supplementari

     

    New Call-to-action