Suggerimenti per ottimizzare le campagne shopping ed ottenere risultati incredibili [Caso di studio]

    Suggerimenti-per-ottimizzare-le-campagne-shopping-ed-ottenere-risultati-incredibili

    Jonathan ed Erik hanno fondato ZoobGear. ZoobGear vende prodotti di arti marziali di varie marche,  principalmente attrezzature e abbigliamento da MMA.

    1. Hanno ottenuto grandi risultati grazie alle campagne su Google Shopping, addirittura negli ultimi mesi le campagne commerciali sono state la loro primaria fonte di traffico e di entrate.

    In questo articolo, hanno deciso di condividere alcuni delle loro “Best Practice”, in base alla propria esperienza nell’ ottimizzare le campagne Shopping  ed ottenere risultati incredibili.

     

    #1. Aumento del 250% dei clic in seguito all'ottimizzazione dei titoli dei prodotti migliori

    Problema. Ottenere più clic per i nostri prodotti leader, responsabili del 60-70% dei ricavi totali da Google Shopping.

     

    Ottieni la nostra guida per raddoppiare le tue vendite di Google Shopping in un'ora

     

    Soluzione. Ottimizzare i titoli dei prodotti utilizzando le informazioni ricavate dai rapporti sui termini di ricerca e dagli strumenti di ricerca per parole chiave.

    I nostri titoli ottimizzati ora includono informazioni chiave aggiuntive sui prodotti che aiutano a catturare nuovo traffico, e sono stati ricreati in modo che corrispondano meglio ai termini di ricerca ad alto traffico.

    Dopo qualche esperimento. abbiamo constatato che queste semplici modifiche ai titoli dei prodotti hanno avuto un impatto molto positivo, contribuendo all'aumento di impression share & CTR.

    Struttura-del-titolo-per-Google-Shopping

    Le linee guida di ottimizzazione che abbiamo seguito sono:

    1. Includere informazioni aggiuntive come utenti consigliati, tipo di attività, materiali e dettagli addizionali per prodotti speciali come [is_bundle], kit per principianti, attrezzature personalizzate, ecc.  (in aggiunta ai dettagli di base esistenti come brand, colore, taglia, etc.etc.)
    1. Riprogrammare i titoli dei prodotti in modo che corrispondano più da vicino ai termini di ricerca che generano vendite e ad alto traffico.

    Esempio rapido:

    Supponiamo che vendiate attrezzature da baseball, e che uno dei vostri prodotti di punta sia un paio di guanti da baseball Wilson

    Il titolo originale avrebbe potuto essere: "Wilson, guanto da baseball classico #Numero di modello"

    Una piccola ricerca con qualsiasi PPC Keyword Tool mostrerà che una delle frasi più importanti che contengono "guanti da baseball" è "guanti da baseball per mancini". Questa è una grande opportunità di parola chiave da aggiungere a uno dei nostri guanti per lanciatori mancini.

    Citeremo anche dettagli extra, come il fatto che sono fatti di pelle e che sono disponibili in taglie per ragazzi.

    Ecco un esempio di un titolo ottimizzato: " Wilson, guanti da baseball in pelle per giovani mancini ".

    I nostri guanti probabilmente verranno visualizzati in molte più ricerche, compresa quella che abbiamo individuato utilizzando lo strumento di ricerca per parole chiave.

    Lo abbiamo fatto per tutti i nostri prodotti di punta (circa il 15-20% di tutti i prodotti), aggiungendo il maggior numero possibile di dettagli extra. 

    Suggerimento: Il nostro strumento di ricerca preferito è il SEMRush Keyword Magic Tool, che mostra tutte le possibili query di ricerca che contengono le parole chiave scelte.

    Il risultato: 250% di aumento complessivo dei clic da Google Shopping, crescita della quota impressioni, migliore Click Through Rate (CTR) e più click dal traffico esistente ad alta conversione.

    titolo-opt-risultati-dfw

    Alcuni prodotti con traffico 0 hanno iniziato a ricevere più di 50 click al giorno dopo alcune semplici ottimizzazioni dei titoli.

    Per riassumere, la nostra esperienza con l'ottimizzazione dei titoli ha dimostrato di avere un grande impatto sul traffico e sulla qualità del traffico derivante dalle campagne di Google Shopping. Raccomandiamo vivamente di prendersi il tempo necessario per farlo, con grande enfasi sui prodotti di punta.

     

    #2. Aumento del 30% del ROAS di una campagna di shopping con l'aggiunta di 3 parole chiave negative

    Problema. Il ROAS per i nostri 5 gruppi di prodotti principali non offriva i risultati sperati..

    Soluzione. Ridurre i costi individuando le parole chiave negative con alta densità nel rapporto dei termini di ricerca. Abbiamo cercato di individuare schemi di ricerca e comportamenti di ricerca che non conducono a vendite. (Abbiamo anche imparato cosa funziona e dove si possono effettuare importanti aggiustamenti delle offerte.) 

    In base alla nostra esperienza, le campagne Shopping tendono ad attrarre molti termini di ricerca a coda lunga/media. Quindi, il modo migliore per aggiungere parole chiave negative è combinare i dati di molti termini di ricerca che contengono determinate parole chiave e non forniscono risultati sufficienti. ( Invece di escludere solo termini specifici ). 

    Esempio rapido: 

    Il nostro gruppo di prodotti numero 1 ad alto traffico è stato utilizzato per le ricerche che contenevano 3 parole chiave inerenti alla marca che non hanno mai portato ad alcuna vendita. 

    Tali parole chiave erano distribuite su molti termini di ricerca diversi che portavano a prodotti all'interno di quel gruppo, ed erano responsabili del 30% del costo totale per quel gruppo di prodotti.

    Abbiamo escluso questi 3 termini inerenti alla marca e abbiamo visto immediatamente una crescita del 30% del ritorno sulla spesa degli annunci ( ROAS ) per quel gruppo di prodotti.

    Che cosa dovete cercare:

    Termini inerenti alla marca. Tali termini possono essere una benedizione o un ostacolo, non lasciate che le campagne d'acquisto includano termini di marca indesiderati (termini di marca irrilevanti/che non portano conversioni, ecc.). Prendete decisioni sagge e potete risparmiare ingenti quantità di denaro

    Modelli di ricerca ripetuti. La gente cerca in modi diversi, ma uno sguardo approfondito ai vostri rapporti sui termini di ricerca vi permetterà di scovare dei patterns. Alcuni di essi portano a delle vendite e altri no.

    Abbiamo notato che con una certa categoria di abbigliamento, tutte le domande che contenevano la parola "uomini" non hanno mai portato ad alcuna vendita, probabilmente a causa del fatto che quei prodotti erano più attraenti per le donne.

    Abbiamo aggiunto "uomini" come keyword negativa a quella campagna, e abbiamo risparmiato il costo di oltre 500 click al mese.

    Parole chiave non commerciali. Questo è fondamentale ma non dovrebbe essere trascurato. Abbiate una lista di parole chiave negative decente con i termini ovvi ('gratuito', 'usato', ecc.), ma anche una lista di termini non ovvi che avete trovato nei rapporti adwords che semplicemente non funzionano per la vostra azienda.Il risultato. Prima di escludere le parole chiave non performanti - Periodo di 30 giorni:

     

    prima-listantanea-di-roi

    Dopo aver escluso le parole chiave non performanti- Periodo successivo di 30 giorni:

    roi-snapshot-after

    Dopo circa un mese di implementazione di queste strategie per i nostri 5 gruppi principali di prodotti, il ROAS totale delle nostre campagne d'acquisto è cresciuto del 178%!

    Abbiamo semplicemente smesso di pagare per il traffico che non si traduceva in conversioni,  questo ha avuto un impatto enorme sulla redditività della campagna.

     

    #3. Tassi di conversione delle campagne click through conversion migliorati i dopo l'ottimizzazione dei prezzi.

    Problema. Alcuni prodotti / gruppi di prodotti avevano tassi di conversione o di click through rate molto bassi. La determinazione dei prezzi è senza dubbio uno dei fattori più importanti per il successo su Google Shopping

    Avere una grande strategia di prezzo, trovando quello adatto per ogni gruppo di prodotti, o addirittura per ogni prodotto della vostra attività, è un compito complesso e continuo che richiede un controllo periodico.

    Abbiamo notato che, in alcuni casi, abbiamo avuto un grande successo anche se i nostri prezzi non erano così competitivi (probabilmente a causa della bassa concorrenza, o perché gli algoritmi di google hanno trovato i nostri prodotti super rilevanti) ma in molti altri casi i nostri prezzi hanno avuto bisogno di modifiche. Soluzione. Abbiamo compiuto 3 passi principali:

    - Aggiunto etichette personalizzate che contengono i margini di vendita al dettaglio, all'ingrosso e di profitto per ogni prodotto su Google Shopping (puoi facilmente utilizzare queste informazioni su altri canali di vendita con DataFeedWatch).

    Etichetta-personalizzata-per-margine-Google-Shopping

    - Evidenziato tutti i prodotti che necessitavano di una modifica dei prezzi, che di solito sono i prodotti con CTR basso e prezzi non competitivi. (Ricordate di dare un’occhiata  al CTR del relativo gruppo di prodotti).

    - Effettuato un adeguamento dei prezzi dove possibile, dati i nostri margini di profitto e il potenziale che pensiamo esista con quel prodotto/gruppo di prodotti.

    Il risultato. Siamo ben lontani dalla conclusione dei ritocchi dei prezzi ma i risultati, finora, si stanno dimostrando molto significativi:

    • Alcuni tassi di conversione dei prodotti sono cresciuti fino al 50%.
    • Il CTR totale delle nostre campagne di shopping è migliorato del 15%. È risaputo che il CTR influenza in modo massiccio il punteggio qualitativo dei vostri annunci.
    • Alcuni gruppi di prodotti che in precedenza ricevevano poco traffico hanno iniziato ad averne una buona quantità grazie al miglioramento del CTR.

    Adesso realizziamo una panoramica mensile dei reports di Google ads per determinare dove possiamo ottimizzare i prezzi, ma teniamo anche conto di Google Shopping nella nostra strategia globale di pricing.

    Questo è quanto, questi 3 passi ci hanno aiutato a migliorare in modo massiccio il ROI delle nostre campagne di shopping. Ci auguriamo che possiate beneficiarne subito implementandoli nelle vostre campagne, e soprattutto che vediate grandi risultati!

     

    New Call-to-action