<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://q.quora.com/_/ad/8fb78ae898f448e9b008c905098c9da9/pixel?tag=ViewContent&amp;noscript=1">

Tipologie di feed per Google Shopping: Una panoramica completa

I commercianti utilizzano Google Shopping per promuovere l’inventario dei loro prodotti, portare traffico di qualità sui loro negozi online e aumentare le vendite complessive. Oltre ai principali feed Shopping (che probabilmente già conosci), vi sono altre tipologie di feed che è possibile utilizzare a seconda delle esigenze.

feed-types-explained

 



Ti presento i personaggi: Ecco i diversi tipi di feed per Google Shopping

 

Google ha creato diversi feed all'interno di Google Shopping, per assistere meglio i commercianti e soddisfare le esigenze in base ai tipi di prodotti offerti. 

 

Per avere i prodotti elencati su Google Shopping, i commercianti devono inviare su Google Merchant Center le informazioni principali sui prodotti. Le informazioni sono contenute in ciò che viene definito il feed dei prodotti.

 

Nella maggior parte dei casi, il feed standard è tutto ciò di cui hai bisogno. Ma in alcuni casi, ad esempio se sei direttamente tu a produrre l’articolo o se vendi i tuoi prodotti a livello locale, puoi integrare anche un tipo di feed diverso.

 

Ecco i personaggi che rappresentano i diversi tipi di feed:

 

google-merchant-center-feed-types 


Google Merchant Center feed

 

Alias il Supereroe

 

Questo feed arriva a fare praticamente tutto e fa sembrare l’intero processo molto semplice. In pratica, ci salva la pelle quando le cose sembrano complicate!

 

Scopo: Questo è il feed principale, che contiene tutte le informazioni sul catalogo prodotti che saranno inviate a Google Merchant Center. 

 

Formato del file: Deve essere caricato come file .XML o .TXT.

 

Se vendi prodotti materiali, allora questo è il feed che fa per te!

 

È obbligatorio che il tuo feed per Google Shopping contenga questi campi: id, title, description, link, image_link, price, condition, availability, brand e gtin. Se i tuoi prodotti non hanno il parametro GTIN, puoi usare l'attributo identifier_exists per indicarlo.

 

shopping_feed_atrributes

 

Per i rivenditori di abbigliamento i campi obbligatori comprendono anche: age_group, gender, color, size, material, e pattern.

 

apparel_optional_fields

 

Altri importanti attributi facoltativi includono product_type e google_product_category - che aiutano ulteriormente Google a mostrare i tuoi prodotti agli utenti giusti al momento giusto. 

 

Prima di creare il feed, assicurati di controllare l'elenco completo dei campi obbligatori e facoltativi. È il modo più sicuro per far sì che il feed sia in linea con i requisiti di Google.

 

Come creare e ottimizzare il tuo feed

 

Se i tuoi prodotti sono già presenti in rete (ad esempio sul tuo sito o su una piattaforma e-commerce) allora probabilmente hai già anche un feed prodotti. Anche se hai già tutte le informazioni e i dati necessari in un unico documento, è consigliabile perdere un po’ di tempo per un’ulteriore ottimizzazione. La strategia più semplice è utilizzare uno strumento di ottimizzazione del feed come DataFeedWatch.

 

Feed supplementari

 

Insieme a questo, è possibile utilizzare anche i feed supplementari, grazie a cui puoi effettuare rapidamente modifiche in blocco, aggiungere etichette personalizzate e altro ancora. Come suggerisce il nome, si tratta di una estensione del feed principale e va usato solo per i prodotti che ne hanno bisogno. 

 

Mantenere i feed aggiornati

 

Con che frequenza si devono inviare gli aggiornamenti dei feed a Google Merchant Center? Le linee guida suggeriscono di farlo almeno una volta al mese, tuttavia consigliamo di effettuare  almeno un aggiornamento giornaliero. Questo vale anche per la maggior parte degli altri tipi di feed. Ma se il tuo feed cambia spesso in un giorno, allora valuta aggiornamenti anche più frequenti.

 


Google Promotions Feed

 

Alias il Cacciatore di Affari

 

Per mostrare sulla SERP  le offerte più vantaggiose.

 

Scopo: aggiungere testo promozionale agli annunci di prodotti in Google Shopping. 

 

Formato del file: Puoi caricare il feed tramite un file XML, tab-delimited (.txt) o Fogli Google.

 

I commercianti possono utilizzare Google Promotions Feed al fine di aumentare il CTR dei loro annunci su Google Shopping. Attualmente il servizio è disponibile in un numero limitato di Paesi: Australia, Francia, Germania, India, Regno Unito e Stati Uniti.

 

Questa funzionalità sarà poi estesa altrove. Puoi controllare sulla pagina ufficiale per vedere se il tuo Paese è stato aggiunto alla lista.

 

Perché un feed Promotions?


Per com’è adesso, si può impostare una sola promozione alla volta. Ma, se si vogliono gestire più promozioni, è possibile creare un feed dedicato per far sì che ciò avvenga. Google ha lavorato a un caso studio con Office Depot e ha registrato un aumento del CTR pari al  9,3% nella loro filiale tedesca.

 

 

 

office_depot_quote

 

 

 

Per poter utilizzare i feed Promotions, i commercianti devono inviare la loro candidatura a Google. Una volta che la richiesta viene approvata, su Google Merchant Center si vedrà disponibile un nuovo feed da poter scegliere.

 

Il feed Promotions ha 6 campi obbligatori: promotion_id, product_applicability, offer_type, long_title, promotion_effective_dates e redemption_channel.

 

Gli attributi facoltativi includono: promotion_id, product_applicability, offer_type, long_title, promotion_effective_dates e redemption_channel.

 

Ecco un esempio di Promotions feed:

 

promotions_sample_feed

 

 

Ed ecco un campione di un feed mappato:

 

merchant_promotions_sample_feed

 

 

Prima che i tuoi feed e le tue promozioni possano essere approvati, Google dovrà esaminarli e verificare che questi siano conformi ai loro requisiti.


Restrizioni sul feed Promotions


Google ha alcuni requisiti, piuttosto specifici, per le promozioni, e ha senso. Lo scopo è assicurarsi che con i potenziali acquirenti si comunichi in piena onestà.

 

  • Gli omaggi devono essere un oggetto reale piuttosto che un campione gratuito o un abbonamento gratuito.
  • Gli sconti devono essere almeno di $5 o il 5%  e non possono essere vaghi (ad esempio scrivendo "Fino al tot% di sconto").
  • Le promozioni non possono essere troppo restrittive (ad esempio, uno sconto solo per i nuovi clienti) 
  • Le promozioni non possono durare più di 6 mesi 

 

Qui puoi trovare la lista delle restrizioni e ciò che invece è permesso fare.

 

Filtri del prodotto  

 

Oltre agli attributi richiesti, ci sono alcuni filtri che puoi usare nel caso le tue promozioni non si applicano a tutti i prodotti.  

 

Questi filtri si attivano quando si imposta product_availability su prodotti specifici.

 

Feed degli annunci di prodotti disponibili localmente

 

Alias Il Pantofolaio 

 

Questo feed non ama avventurarsi molto lontano e preferisce avere tutto vicino casa. 

 

Scopo: gli annunci di prodotti disponibili localmente sono progettati per aiutare i business fisici a portare clienti all’interno dei loro punti vendita.

 

local_ads_statistics

 

L'importanza di questo feed si è vista nel 2020 a causa della pandemia. Durante questo periodo, i clienti hanno sfruttato la possibilità di cercare e pagare per un prodotto online e poi andarlo a ritirare in modo sicuro in un punto vendita vicino casa.

 

Ci sono due diversi tipi di feed relativi agli annunci di prodotti locali: completa (full) e incrementale (incremental).  

 

Il feed completo viene aggiornato quotidianamente e include l'intero inventario. 

 

Ma se ogni giorno l’inventario subisce diverse modifiche, allora è meglio utilizzare un feed incrementale. Per rendere il tuo feed incrementale, accedi al Merchant center e vai su Prodotto > Feed > Impostazioni e scegli l'opzione "Conserva gli articoli non più inclusi nel feed". 

 

Il tuo feed dovrebbe includere i seguenti attributi: codice del negozio, id, prezzo e quantità. Disponibilità, prezzo di vendita e data di entrata in vigore del prezzo di vendita sono facoltativi.

 

required_optional_local_inventory-1

 

Quando si crea il feed, dovrebbe avere un aspetto simile a questo:

 

local_product_inventory_feed_example

 

Quando i tuoi clienti BOPIS (buy online, pickup in store - acquisto online, ritiro in negozio) comprano qualcosa, saranno in grado di dire subito che sei tu il giusto commerciante per loro.

 

Nell’esempio qui in basso, molto probabilmente gli utenti sceglieranno Bed Bath & Beyond o Target rispetto a Macy's.

 

curbside_pickup

 

Partnership locali Feed

 

C'è la possibilità per alcuni commercianti di avere annunci di prodotti disponibili localmente senza creare feed aggiuntivi: per farlo bisogna creare 3 feed aggiuntivi, con l'elenco di tutti i prodotti in vendita nei negozi.

 

  • Business information feed - elencherà le informazioni relative a tutte le tue sedi aziendali e i punti vendita.
  • Feed dei prodotti locali - questo feed include informazioni sui prodotti che vendi solo nel negozio fisico o sia online che nei punti vendita.
  • Feed di inventario - include informazioni sulle scorte e sul prezzo per ogni punto vendita.

 

Combinare insieme i quattro feed di dati: Business Locations, Feed dei prodotti locali, Feed di inventario e Feed dei prodotti sarà fatto automaticamente da Google, tramite l'attributo ''item_id''. 

 

Con quale frequenza si devono inviare questi feed?

 

  • Feed dei prodotti locali - almeno una volta alla settimana;
  • Feed di inventario - almeno una volta al giorno.

 


Feed Valutazione dei prodotti

 

Alias Il Critico

 

Questo feed ha delle opinioni e non ha paura di farlo sapere al mondo!

 

Scopo: Aggiungere le valutazioni dei prodotti e le recensioni dei commercianti agli annunci, al fine di creare un rapporto di fiducia con i potenziali clienti e aumentare le vendite.

Gli utenti si affidano molto alle recensioni di Google Shopping prima di decidere cosa acquistare. Probabilmente stesso tu ti sei trovato in una situazione simile quando dovevi scegliere tra due prodotti simili. Quello con più stelline ci sembra automaticamente più affidabile.

 

Mentre tutte queste macchine per caffè hanno un buon rating, quella con 5 stelle e oltre 5,000 recensioni appare come la vincente.

 

product_reviews

 

Se diamo un'occhiata più da vicino ad una delle recensioni, possiamo vedere che gli acquirenti sono in grado di trovare risposte a domande molto specifiche sul prodotto. Forse un tuo concorrente ha recensioni migliori, ma tu hai la caratteristica specifica che qualcuno sta cercando.

 

product_review_page-1

 

Affinché le recensioni appaiano negli elenchi dei prodotti, i commercianti dovranno necessariamente inviare a Google le valutazioni:

 

  • caricando i feed sull'account del Merchant Center;
  • inviandoli tramite un aggregatore di recensioni di terze parti.

 

Se si preferisce la seconda opzione, Google otterrà i dati direttamente dagli aggregatori e non sarà necessario che il commerciante invii il feed. Tuttavia, se le recensioni vengono raccolte attraverso il sito web del rivenditore, allora è necessario creare un Feed Valutazione dei prodotti.

 

Il feed aggiornato deve essere inviato almeno una volta al mese. In caso contrario, il documento potrebbe contenere dati potenzialmente imprecisi, non particolarmente importanti per gli utenti.

 

Il mancato rispetto di questo requisito può compromettere la possibilità di utilizzare il feed valutazione dei prodotti.

 

Un'ultima cosa: per poter mostrare le valutazioni sugli annunci di prodotti, devi avere ricevuto almeno 50 recensioni.



Feed di Remarketing Dinamico 

 

Alias l'Atleta

 

Questo feed è flessibile, agile e veloce ad adattarsi.

 

Scopo: Targettizzare gli utenti che hanno visitato una pagina prodotto o abbandonato un carrello.

 

Il retargeting dinamico ti permetterà di mostrare annunci su misura per i visitatori passati, in base alle azioni che hanno compiuto sul tuo e-commerce. 

 

Formato di feed: Devi inviare il tuo feed a Google Merchant, in formato .XML o .TXT. Ci sono alcuni passi da compiere per utilizzare il remarketing dinamico.

  1. Invia i dati tramite Google Merchant Center
    Attenzione: possono essere necessari fino a 3 giorni lavorativi prima che il tuo feed venga accettato.
  2. Collega il tuo Google Merchant Center e il tuo account Google Ads 
  3. Creare una campagna di remarketing dinamico

Hai già impostato il feed principale per Google Shopping? Ottimo, allora puoi semplicemente utilizzare gli stessi dati per creare un feed di remarketing dinamico o aggiungere ulteriori attributi al feed esistente. 

 

Puoi anche aggiungere alcuni campi aggiuntivi al documento come display_ads_id, display_ads_title e ads_label. Ecco l'elenco completo:

 

 

Google Shopping Remarketing Feed

Attenzione, sebbene molti attributi possono essere utilizzati dai feed Shopping e feed di remarketing dinamico, entrambi hanno politiche diverse. Questo perché le leggi sui dati degli utenti e sulla privacy sono molto severe.

 


Manufacturer Center Feed

 

Alias L'artigiano

 

Questo feed non ha bisogno di comprare articoli perché se sa farli in autonomia.

 

Scopo: dare maggiore controllo ai produttori e ai proprietari di brand sulla presentazione dei loro prodotti su Google Shopping e altri servizi Google.

 

Se sei stesso tu a creare o a fabbricare prodotti materiali, allora questo è il feed giusto per te. Per iniziare, hai bisogno di un account Google Manufacturer Center.

 

Con Google Manufacturer Center i produttori possono migliorare la loro presenza su Google, fornendo contenuti ricchi, accurati e standardizzati sia agli acquirenti che ai rivenditori. 

 

Ci sono 6 campi obbligatori: id, gtin, title, description, image link e brand. Tuttavia, non dovresti fermarti a questi: è consigliabile compilare ulteriori attributi, in quanto ciò consentirà agli acquirenti di cercare e trovare più facilmente i tuoi prodotti.

 

manufacturer_attributes

 

L'inclusione di GTIN ha dei vantaggi, come il fatto di mantenere le informazioni sui prodotti coerenti tra i rivenditori e sui vari negozi online. Avrai un maggiore controllo su quali informazioni vengono condivise sui tuoi prodotti. 

 

Vale la pena sottolineare che è possibile caricare dei feed di test per trovare e correggere i potenziali errori. Questi feed non creeranno articoli che vengono poi mostrati su Google Shopping.

 

Infine, tieni presente che è necessario un feed separato per ogni Paese in cui si inviano prodotti e che si possono avere fino a un massimo di 20 feed per paese.

 


Conclusioni

 

Google Shopping è un eccellente canale per far arrivare i tuoi prodotti a un numero vasto di utenti, nonché un modo efficace per attirare più clienti. Come abbiamo visto, lavorerai soprattutto con il nostro Supereore- il feed principale. 

 

Ma speriamo che questo articolo ti aiuti a capire meglio quali sono le informazioni giuste da inviare a Google in base ai tuoi obiettivi e alla tua tipologia di business.

New call-to-action

Fatto con   da  DataFeedWatch

Scrivi per noi