Che cos'è la tassonomia di Google?

    google

     

    In parole povere, la tassonomia di Google è un elenco delle categorie utilizzate da Google per comprendere la natura dei prodotti caricati, in modo tale da poter mostrare suddetti prodotti a chi li sta cercando. L’elenco è composto da più di 6.000 categorie, e puoi trovarlo cliccando qui.

     

    La [ categoria_prodotto_ google ] è l'attributo utilizzato nel tuo feed di prodotti che può includere informazioni relative al prodotto, in funzione della corretta suddivisione presente nella tassonomia di Google. 

     

    Questo attributo non va confuso con la [ categoria ] che pur essendo una suddivisione in base alla categoria dei prodotti, non fa riferimento ad alcun elenco standard e può essere decisa autonomamente dagli advertiser.

     


    Perché dovrei categorizzare i miei prodotti?

    Per alcune categorie, come 'Media' e 'Abbigliamento e accessori', è obbligatorio includere le categorie di prodotti all'interno del proprio data feed.

     

    Vi sono altre categorie per cui non è necessario utilizzare le categorie di prodotti di Google. Ciononostante, è comunque altamente raccomandato l'utilizzo delle categorie di prodotti per vari motivi:

     

    1. Permettere a Google di comprendere per quali termini di ricerca i vostri annunci devono essere mostrati.
    2. Migliorare la pertinenza. Quando la vostra pertinenza migliorerà, potreste vedere migliorare il vostro costo per clic. Questo vale anche per i click-through-rate. Quando un prodotto viene mostrato a più ricerche pertinenti, in genere migliora il CTR.
    3. Miglioramento del ROI. Scremare click non affini vi aiuterà ad aumentare i tassi di conversione.

     

    Vale anche la pena di notare che altre piattaforme, come Bing Shopping e Facebook Product Ads, utilizzano le categorie di prodotti di Google. Questo vi aiuterà se state cercando di incorporare una strategia di vendita al dettaglio omni-canale.

     

    Torna a inizio pagina o Scarica la nostra guida per raddoppiare le vendite su Google Shopping in un'ora

     


    Modalità di categorizzazione

     

    Esistono 3 metodi principali per categorizzare i propri prodotti:

     

    1. Categorizzazione automatica.

    2. Categorizzazione manuale.

    3. Un misto tra automatica e manuale.

     

    La categorizzazione manuale dei prodotti risulta vantaggiosa in quanto non sarà necessario utilizzare un software esterno. Il lato negativo di ciò è che richiede molto tempo.

     

    Sarà necessario tenersi al corrente degli aggiornamenti e delle modifiche della tassonomia di Google. Voi (o un freelance!) dovrete scaricare l'elenco completo delle categorie e selezionare quella più adatta al vostro prodotto.

     

    L'utilizzo di uno strumento esterno per automatizzare il processo di categorizzazione può essere un salvavita per chi ha orari frenetici, oppure, per chi ha migliaia di prodotti da categorizzare. Noi di DataFeedWatch abbiamo uno strumento che fa esattamente questo.

     

    In alternativa, l'utilizzo di questi due strumenti in combinazione aiuta generalmente con la pertinenza. Permette di aggiungere i dettagli più fini e le differenze del prodotto che lo distingue dagli altri all'interno della sua categoria.

     

     

    Torna a inizio pagina o Scarica la nostra guida per raddoppiare le vendite su Google Shopping in un'ora

     


    Best practice

    Prima di categorizzare i propri articoli esistono sono una serie di requisiti, insieme a ulteriori raccomandazioni. Permetteranno di evitare che i vostri articoli vengano disapprovati, e a ottenere il massimo da Google Shopping.

     

    Utilizzate una sola categoria:

     

    Potreste scoprire che il vostro articolo potrebbe essere applicabile a più di una categoria. Poiché potete selezionare una sola categoria, dovrete trovare quella che meglio si adatta al vostro prodotto. Renderla il più specifica possibile aiuta a mostrare i propri prodotti alle persone giuste al momento giusto.

     

    Utilizzare le categorie più aggiornate:

     

    Anche se alcune categorie più attempate possono ancora essere utilizzate, in genere utilizzare le più recenti aiuta a rimanere aggiornati con eventuali modifiche di categoria da parte di Google.

     

    In caso di modifiche alle categorie, Google modificherà automaticamente le vostre categorie obsolete in quelle che ritiene siano la migliore equivalente moderna.

     

    Evitare l’uso di categorie obsolete vi aiuterà a mantenere il controllo della vostra categorizzazione e della vostra pertinenza e vi aiuterà a potenziare le performance dei vostri prodotti.

     

    Torna a inizio pagina


    New Call-to-action